Big Data, Red Hat Virtualization “sposa” SAP HANA

La soluzione open source ora è certificata per i carichi di lavoro sul database in-memory del colosso tedesco, con elevate prestazioni e scalabilità per attività su grandi quantità d’informazioni.

Red Hat Virtualization ora supporta la piattaforma Sap Hana. Ne dà notizia lo stesso sviluppatore di soluzioni open source, il quale può ora offrire un sistema operativo (Red Hat Enterprise Linux for Sap Hana) e un hypervisor entrambi validati per l’utilizzo sul database in-memory del colosso tedesco. Red Hat Virtualization è una soluzione di virtualizzazione scalabile e flessibile, creata a partire da Kvm. In grado di gestire numerosi carichi di lavoro, compresi quelli legati alle applicazioni e alle analisi dei Big Data, la piattaforma di Red Hat non richiede modifiche significative o hardware personalizzato. Supportando anche Sap Hana, Virtualization aiuta i clienti a consolidare l’hardware fisico con l’obiettivo di ridurre la spesa It, senza però perdere nulla in termini di funzionalità operativa.

Inoltre, Red Hat Virtualization rappresenta una solida base per tecnologie quali container Linux container e cloud, pur conservando la sua semplicità di integrazione con gli ambienti It esistenti. E il tutto, come sottolineato da Gunnar Hellekson, senior director, product management platforms business dello sviluppatore open source, “senza imporre il lock in software o hardware personalizzato”.

Virtualization non è ovviamente l’unica soluzione del vendor di Raleigh in grado di supportare ambienti Sap. L’azienda, per esempio, ha a portafoglio anche Red Hat Enterprise Linux for Sap Solutions, un sistema operativo sviluppato per le imprese che vogliono disporre di una piattaforma unificata e supportata per standardizzare l’erogazione di applicazioni critiche.

 

Autore: ictbusiness.it